I filati cardati : Gaelic

Quest’anno , data la tradizione del distretto pratese per il “cardato” abbiamo deciso di presentare due filati cardati prodotti a Prato (Praho in lingua locale).

Se vogliamo semplificare al massimo per definire la differenza fra filati pettinati e cardati dovremo soffermarci sulla lunghezza della fibra.

Infatti per produrre i filati cardati si usano tutte quelle fibre che hanno la fibra corta , una di queste è il cachemire.

Nel distretto pratese il cardato è stato inizialemente prodotto da lana rigenerata.

Si prendevano i famosi “cenci” e grazie prima alla selezione per colore e per fibra degli stessi e , successivamente, sottoposti alla “cardatura” venivano trasformati in fibra pronta per essere filata su appositi macchinari.

Questo non è il caso del filato cardato e bottonato “GAELIC” che proviene da lana vergine ma chissà che in futuro non ci cimenteremo con un classico “pratese” rigenerato.

 Gaelic 11

 

Questi tipi di filati una volta filati sono molto duri e necessitano di speciali trattamenti per ottenere un morbido effetto , ma una volta realizzati hanno una morbidezza e leggerezza senza pari.

1267535_276375339160832_1746053689_o

 

Questo è una capo realizzato da una “maison” di Lana di Catania che gentilmente ci ha inviato la foto. (Rosalinda Scuderi – Per filo e per Segno)

Massimo Signori

Effe Elle srl

 

PERCHE’ PRODUCIAMO IN ITALIA ?

Nel 2009 quando abbiamo iniziato a vendere al dettaglio con il nostro Marchio

borgodepazzi_logo

abbiamo deciso di proporre solo filati prodotti in Italia con i nostri macchinari o avvalendoci di laboratori conto terzi ma sempre sul territorio pratese.

Per fare questo abbiamo deciso di certificare il nostro marchio presso madeitaly.org che raccoglie le aziende che producono interamente in Italia.

Perchè abbiamo fatto questo ?

Intanto
le leggi sono fumose e fino all’entrata in vigore della legge 55 del
2010 addirittura le aziende potevano omettere la provenienza.

In piu’ anche la nuova legge entrata in vigore sostiene che bastano
solo due lavorazioni perchè un prodotto debba essere considerato “made
in Italy”.

Ma allora come si puo’ acquistare un filato made in Italy ?

In Italia ci sono i due piu’ grossi distretti europei per la
produzione dei filati : Biella e Prato. Pur non essendoci piu’ le
aziende di una volta la filiera produttiva ancora resiste. Questa è
composta da migliaia di microimprese specializzato in solo una delle
lavorazioni che portano al prodotto finito sia esso un gomitolo o un
capo di abbigliamento.

Prato è piu’ specializzato rispetto a Biella nei prodotti
innovativi, fantasiosi un po’ fuori di testa mentre nella provincia
biellese si producono , per lo piu’ , filati e tessuti di alta qualità.

Questo non toglie che esistano imprese sul territorio che
rappresentano l’esatto contrario.

Credendo molto nella valorizzazione del prodotto MADE IN ITALY
abbiamo fatto certificare la nostra azienda ad un consorzio marchigiano .

Il consorzio è venuto qua a controllare la nostra azienda ed ha
constatato di persona l’effettiva produzione locale.

La cosa mi ha fatto molto piacere dato che a volte siamo molto
scettici di fronte a queste iniziative.

Massimo Signori

Responsabile Commerciale

Effe Elle srl

 

Translate »